Dischetti struccanti lavabili, istruzioni per l’uso.

da

Se sei qui è perchè sicuramente ti sta a cuore il Pianeta e la sua salute.

E quale cosa migliore da fare se non ridurre il più possibile il consumo di prodotti usa e getta? Anche un semplice gesto come passare ai dischetti struccanti lavabili può fare la differenza.

Ma magari sei solo all’inizio di questo tuo percorso di sostenibilità ambientale e fai fatica ad orientarti tra i tanti prodotti a disposizione e non sai da che parte cominciare.

 Partiamo quindi dalle basi.

Come sono fatti i dischetti struccanti lavabili che trovi nel mio shop?

Li trovi di due tipologie diverse, quelli in spugna di cotone, leggermente più ruvidi ma comunque delicati sulla pelle. Adatti a chi non ha particolari problemi di sensibilità, chi desidera un’azione leggermente esfoliante e o utilizza trucco più resistente.

L’altra tipologia invece è realizzata in spugna di bambù, super morbida e adatta a chi ha la pelle molto delicata. Proprio per questo possono essere usati anche dai bambini per la detersione del viso, meglio ancora se in versione pad.

In entrambi i casi uno dei due lati è rifinito con tessuto di cotone, le cui fantasie sono tantissime e adatte ai gusti di tutti, da chi ama le linee più classiche, a chi ha un’anima nerd o romantica. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Come si usano?

Passare sul viso il proprio detergente viso, meglio se solido e plastic free e strofinare delicatamente con un dischetto bagnato e strizzato. Se invece preferisci un prodotto liquido lo puoi mettere direttamente sul dischetto e passare sul viso.

Come si lavano?

Una volta usati puoi decidere di lavarlo immediatamente con acqua e sapone e far asciugare, oppure conservarlo insieme agli altri sporchi e poi lavarli tutti in una volta in lavatrice. In quel caso meglio avere un kit a disposizione per non rimanere mai senza.


Sono difficili da usare?

Assolutamente no, si usano esattamente come quelli classici e lavarli è veramente una questione di secondi. Una volta presa l’abitudine non ci si accorge neanche della differenza. Inoltre sono più delicati sulla pelle di molti di quelli in commercio, specialmente quelli in spugna di bambù che sono delicatissimi.

Perchè passare ai dischetti lavabili riutilizzabili?

Perchè per quanto quelli usa e getta siano realizzati in fibre vegetali, la loro produzione ha comunque un impatto ambientale non indifferente, più l’inquinamento dovuto al loro trasporto nei vari punti vendita. Per non parlare della loro confezione in plastica, materiale che come sappiamo causa tantissimi danni ambientali.

E hai mai pensato anche alla questione economica? Mediamente una donna che si trucca consuma 2 dischetti al giorno, per un totale di 730 dischetti all’anno. Ipotizzando che il costo medio di una confezione da 80 pezzi è di 1 €, vuol dire una spesa annua di 90 €, rispetto ai pochi € di un set di dischetti struccanti da usare per tanti anni. 


Che dici? Ti ho convinta?

Prova e vedrai che non tornerai indietro!

Sara


Ti potrebbe interessare anche…

WET BAG, COS’E’ E COME SI USA.

Uno dei gesti più importanti che possiamo fare per il nostro Pianeta è quello di ridurre il consumo di prodotti usa e getta. Sai quali sono, di questa categoria, tra i più inquinanti? Pannolini e assorbenti.Perchè quindi non provare a passare a soluzioni lavabili e...

leggi tutto

SACCHETTO PORTA SAPONE

Ami i cosmetici solidi ma non sai mai come usare i pezzetti di sapone o shampoo solido che ti rimangono alla fine? Effettivamente non sono il massimo della comodità ma noi odiamo gli sprechi, vero?Per questo ho pensato di produrre per lo shop i sacchetti porta sapone...

leggi tutto

Zero waste per principianti

Ormai l'abbiamo capito tutti, non possiamo più aspettare per rimediare ai danni che abbiamo creato al nostro Pianeta. Se sei qui a leggere sono sicura che anche tu vuoi fare la tua parte ma forse sei un po' intimorito per i cambiamenti che devi apportare e non sai da...

leggi tutto

L'autrice

Sara è l'anima e il cuore dietro tutto il mondo green di Sogni Risplendono.
Da sempre appassionata di ambiente, natura, autoproduzione e del saper fare, ama condividere con gli altri tutte le sue piccole grandi scoperte. Convinta che i grandi cambiamenti partano dai piccoli passi di ognuno di noi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *