Cucina giocattolo per chi ha poco spazio in casa.

da

Amate come me le cucine giocattolo ma avete poco spazio in casa? L’articolo che vi presento oggi è quello che fa per voi! 



Partiamo dal principio, da come è nata questa idea. 
Lo scorso sabato pomeriggio ho portato Giulio in ludoteca e nonostante sia ancora piccolino si è subito diretto verso la cucina giocattolo. Ok, credo che il vero motivo sia perchè l’ha associata al cibo e infatti alla vista di carote, formaggi e polli di plastica ha iniziato a canticchiare “Pappa! Pappa! Pappaaaa!!!”. Resta il fatto che era uno spettacolo vederlo alle prese con quello che per me è il gioco più bello del mondo e la mente è subito volata alla mia. Mamma quanto l’ho amata! E quanto ci ho giocato! Era la classica versione di plastica che probabilmente tutti i figli degli anni 80 hanno avuto, con i vari sportellini e utensili che con un’abbondante dose di fantasia diventava un ristorante stellato. Io amavo particolarmente disegnare i vari piatti sulla carta e cucinarli con dei meravigliosi pentolini di rame che conservavo in una piccola scatola di cartone. 



Ma torniamo a noi. Una volta tornati a casa continuavo a pensare alla cucinetta e in cuor mio sapevo che il nostro nido è probabilmente troppo piccolo per averne una. Ero accovacciata sul divano, con Ron in grembo che richiedeva le coccole e mi sono un attimo imbambolata sulle sedie che avevo davanti a me e….idea! Avrei potuto fare una mini cucina giocattolo da mettere e togliere da una sedia e che una volta piegata occupasse pochissimo spazio.



Ecco quindi com’è nata questa idea.
Come misure non ho preso le nostre perchè sono un po’ insolite ma dopo aver fatto una veloce ricerca su internet ho visto che le misure più comuni sono 40 x 40 cm.

Ho fatto in modo di far stare la mini cucina tutta in un’unica sedia per cui sulla parte della seduta ho cucito due fornelli e il lavandino. Sopra a questi ho posizionato un mestolo e una spugnetta che si attaccano e staccano con il velcro.
Nella parte bassa rivolta in avanti ho riprodotto lo sportello del forno con una bella pizza che cuoce. Lo sportello l’ho fatto apribile in modo tale che i bimbi possano mettere “dentro al forno” le loro prelibatezze.



Nei pannelli laterali ho legato con dei nastri una presina e un piccolo asciugamano.



Quando realizzo articoli come questi mi rendo realmente conto di quanto sia fortunata a fare questo lavoro, nonostante le difficoltà, l’incertezza e le battute d’arresto. Mi permette di restare legata alla mia parte bambina, nutrendomi dei bellissimi ricordi d’infanzia e rivivendo le gioie vissute in modo semplice ma allo stesso tempo magico.

Se la cucina giocattolo ha fatto innamorare anche voi la trovate nello shop. E’ solo un pezzo per ora ma è possibile ordinarla anche personalizzata per colori, pietanza nel forno ed eventualmente con il nome.

Un abbraccio e grazie come sempre per essere passati di qua!

Sara

Ti potrebbe interessare anche…

WET BAG, COS’E’ E COME SI USA.

Uno dei gesti più importanti che possiamo fare per il nostro Pianeta è quello di ridurre il consumo di prodotti usa e getta. Sai quali sono, di questa categoria, tra i più inquinanti? Pannolini e assorbenti.Perchè quindi non provare a passare a soluzioni lavabili e...

leggi tutto

SACCHETTO PORTA SAPONE

Ami i cosmetici solidi ma non sai mai come usare i pezzetti di sapone o shampoo solido che ti rimangono alla fine? Effettivamente non sono il massimo della comodità ma noi odiamo gli sprechi, vero?Per questo ho pensato di produrre per lo shop i sacchetti porta sapone...

leggi tutto

Zero waste per principianti

Ormai l'abbiamo capito tutti, non possiamo più aspettare per rimediare ai danni che abbiamo creato al nostro Pianeta. Se sei qui a leggere sono sicura che anche tu vuoi fare la tua parte ma forse sei un po' intimorito per i cambiamenti che devi apportare e non sai da...

leggi tutto

L'autrice

Sara è l'anima e il cuore dietro tutto il mondo green di Sogni Risplendono.
Da sempre appassionata di ambiente, natura, autoproduzione e del saper fare, ama condividere con gli altri tutte le sue piccole grandi scoperte. Convinta che i grandi cambiamenti partano dai piccoli passi di ognuno di noi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *